pomodoro maturo
trapianto bocchere
campo pomodoro
vivaio pomodoro
campo pomodoro 2
trapianto pomodoro 1
campo pomodoro 3
raccolta scarpariello
campo pomodoro 4
fiore pomodoro
campo pomodoro 5
trapianto pomodoro 2
pomodoro maturo 2
campo pomodoro 6
campo pomodoro 7
campo pomodoro 8
campo pomodoro 8
trapianto




ASIPO


associazione interprovinciale produttori ortofrutticoli
Società Agricola Cooperativa
Via Tazio Nuvolari, 44/a
43122 - Parma (PR)

Notiziario
Ricerca veloce
Meccanismi d'azione, resistenze, mobilitá e epoche d'impiego dei prodotti antiperonosporici.

Pubblichiamo alcune slides presentate dal Dott. Valentino Testi, Direttore del Consorzio Fitosanitario Provinciale di Parma, all'incontro "La Filiera del Pomodoro da Industria di Qualitá" organizzato da una primaria azienda produttrice di agrofarmaci a Parma il 13 febbraio 2014 riguardanti il corretto utilizzo dei prodotti antiperonosporici. Dopo la prima parte dell'intervento relativa alle tecniche di predizione degli interventi ed alle modalitá di comunicazione agli operatori, il Dott. Testi ha focalizzato la sua esposizione sugli aspetti relativi al corretto posizionamento degli interventi di difesa contro la principale avversitá del pomodoro da industria, in relazione allo stadio fenologico e allo stato fisiologico della coltura, alla tipologia, mobilitá e meccanismo di azione del fungicida ed alla gestione delle resistenze. Tra gli aspetti di maggior rilievo emersi si deve sottolineare l'accento posto sulla necessitá di alternare sostanze attive con meccanismi di azione diversi, allo scopo di aumentare l'efficacia dei trattamenti eseguiti ed evitare l'insorgenza di resistenze. Sempre per diminuire la probabilitá che si sviluppino ceppi di Phytophthora infestans resistenti ai fitofarmaci in commercio, la corretta prassi di utilizzo prescrive l'impiego delle sostanze ai dosaggi previsti in etichetta, evitando assolutamente i sottodosaggi, soprattutto per i prodotti per i quali la probabilitá di sviluppo di resistenza é più elevato. La tabella successiva riporta, per i principi attivi autorizzati dai disciplinari di produzione integrata, il meccanismo di azione ed il rischio di resistenza.

Clicca per ingrandire

 

Altro aspetto su cui si é posto l'accento é il corretto posizionamento degli interventi in relazione alla mobilitá del fungicida nella pianta. Le sostanze ad azione sistemica sono assorbite dalle foglie (e/o radici) e traslocate per via xilematica negli altri organi della pianta. In particolare, i principi attivi dotati di sistemia acropeta sono in grado di raggiungere gli apici vegetativi e quindi proteggere le parti della pianta di nuova formazione. É evidente quindi che queste sostanze sono più efficaci se utilizzate in fase di sviluppo vegetativo. Le sostanze a sistematicitá locale, quelle ad azione citotropica e quelle ad azione translaminare, hanno una capacitá di diffusione più limitata e sono attive nei tessuti adiacenti al punto di applicazione. La capacitá protettive di queste sostanze sono sfruttate appieno, quindi, se applicate al termine della fase di sviluppo. Le sostanze, infine, ad azione superficiale per elevata affinitá per le cere, nelle quali si ridistribuiscono, sono le più adatte alla protezione delle piante dall'allegagione alla raccolta, in virtù della capacitá di proteggere anche le bacche. Ai diversi meccanismi di penetrazione corrisponde una diversa solubilitá nei grassi e in acqua. Le immagini successive mostrano il diverso comportamento delle sostanze attive in relazione alla mobilitá (la prima suddivide i fitofarmaci in base alla mobilitá e riporta i dati di solubilitá, la seconda visualizza le stesse informazioni in forma grafica).

 

Clicca per ingrandire

 

 

Clicca per ingrandire

Scarica articolo

Pubblicato il 28 03 2014 da matteo
Powered by CuteNews

Programma di Sviluppo Rurale dell'Emilia Romagna

La nostra azienda ha usufruito del finanziamento del Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale (FEASR)

Valid XHTML 1.0 Strict  CSS Valido!